LOGO

L'ACCESSO AI CORSI RICONOSCIUTI E AUTORIZZATI DALLA REGIONE LAZIO AI SENSI DELLA L.845/78 E L.R. 23/92 E' CONSENTITO SOLO A COLORO CHE SI SONO ISCRITTI A CUI SARA' FORNITA UNA LOGIN DIRETTAMENTE DALLA SEGRETERIA DIDATTICA DI CALAMUS

___________________________

CORSO DI FORMAZIONE E INFORMAZIONE LAVORATORE 

PARTE GENERALE

___________________________

CORSI DI APPRENDISTATO PROFESSIONALIZANTE

PRIMA ANNUALITA' : CORSO DI COMPETENZE DI BASE E TRASVERSALI 

SECONDA ANNUALITA': CORSO DI SICUREZZA E PREVENZIONE

ALLA RICHIESTA DELL'ATTESTATO,DOPO AVER CONTROLLATO IL PERCORSO FORMATIVO EFFETTUATO, VERRA' INVIATA UNA EMAIL CON LE COORDINATE BANCARIE PER L'IMPORTO DA VERSARE  DI € 150,00   

L'ATTESTATO IN PDF VERRA' INVIATO AL RICEVIMENTO DELL'AVVENUTO BONIFICO

    Salta site news

    Site news

    Immagine System Administrator
    NUOVA PIATTAFORMA
    di System Administrator - venerdì, 20 maggio 2022, 11:35
     

    Abbiamo ultimato l'aggiornamento della piattaforma e potrebbe verificarsi ancora qualche piccolo inconveniente, IN PARTICOLARE NELLA FASE DI REGISTRAZIONE E CREAZIONE ACCOUNT

    Siete pregati di contattarci al 338 7241547 per risolvere il problema o inviare una mail : rebeca.molins@gmail.com

    Le ...

    Leggi il resto dell'argomento
    (135 parole)
     
    Immagine Rebeca Molins
    NUOVO REGOLAMENTO SULLA PRIVACY
    di Rebeca Molins - sabato, 22 maggio 2021, 11:55
     

    Il Regolamento Europeo sancisce un obbligo di formazione in capo a imprese e pubbliche amministrazioni in materia di protezione di dati personali. Tutte le figure inserite all'interno dell'organizzazione (dipendenti e collaboratori) devono essere adeguatamente formate prima di essere coinvolte ...

    Leggi il resto dell'argomento
    (173 parole)
     
    Immagine Rebeca Molins
    Condizioni di utilizzo di Piattaforma E-Learning di Icarum
    di Rebeca Molins - venerdì, 17 aprile 2020, 12:16
     

    Copyright

    II materiale didattico è reso disponibile dai docenti sulla Piattaforma E-Learning di Icarum a scopo di lettura e/o stampa . L'utente s'impegna a non divulgare, in tutto o in parte, il materiale didattico e a farne uso strettamente personale.

    II materiale non puo essere ceduto a terzi...

    Leggi il resto dell'argomento
    (533 parole)
     

    Salta corsi disponibili

    Corsi disponibili

    La formazione in apprendistato è finalizzata a fornire agli apprendisti la qualificazione professionale necessaria per lo sviluppo dell’occupabilità e a rispondere alla domanda di competenze espressa dalle imprese.

    Aggiornato: Gennaio 2022

    L’Apprendistato è un rapporto di lavoro in cui le parti, Azienda e Lavoratore, assumono reciprocamente degli obblighi.

    Al centro vi è l’obbligo allo svolgimento da parte dell’apprendista di un preciso percorso formativo. Il contratto, quindi, rappresenta un’opportunità di crescita culturale e di sviluppo professionale dell’apprendista.

    Il percorso prevede moduli obbligatori quali: comunicazione, disciplina del rapporto di lavoro, organizzazione aziendale, qualità aziendale, sicurezza sui luoghi di lavoro.

    Questa 2° annualità è rivolta agli apprendisti in possesso di diploma,  qualifica professionale e licenza media.

    Il corso è stato realizzato in conformità allo standard internazionale SCORM.

    Obiettivi 

    L’obiettivo del percorso é sviluppare le competenze necessarie ai giovani apprendisti per inserirsi con successo nel contesto lavorativo, grazie all’apprendimento di conoscenze e competenze utili per espletare in modo efficace le proprie mansioni.

    A chi interessa il corso                        

    Apprendisti assunti con contratto di apprendistato professionalizzante art. 44 D.Lgs. n.81/2015 in possesso di diploma,  qualifica professionale e licenza media.

    La mancanza di un tutor aziendale avente competenze adeguate è un inadempimento capace di costituire motivo della sanzione prevista dall'articolo 53 del d.lgs. 276 del 2003. Non è quindi sufficiente, al fine di evitare le sanzioni, che gli apprendisti abbiamo effettuato la formazione prevista dalla normativa vigente.

    LA FORMAZIONE PRIVACY DI TUTTI I DIPENDENTI INCARICATI E’ UN OBBLIGO DI LEGGE!

    Con la nuova legge sulla privacy, entra in vigore l’obbligo, per tutte le aziende, di formare i propri dipendenti sui temi della privacy. I titolari di aziende hanno l’obbligo di fornire un’appropriata formazione, in materia di protezione dei dati, a tutto il personale che nell’ambito delle proprie mansioni lavorative vengono a conoscenza o possono trattare dati personali di clienti, fornitori e dipendenti.

    Le attività che comportano un trattamento di dati personali, possono essere svolte solamente da soggetti designati Incaricato Privacy, che abbiamo ricevuto specifiche istruzioni privacy e adeguata formazione privacy.

    Il Corso Privacy per Incaricato Trattamento Dati è un Corso Privacy Certificato e Personalizzato, che può essere svolto direttamente presso la sede della tua azienda o nelle nostre aule formative.

    Al termine del Corso per Incaricato Privacy i partecipanti verranno in possesso delle conoscenze legali, organizzative e tecnologiche necessarie per ricoprire il ruolo di Incaricato del Trattamento.

    COSTO: € 35,00 NO IVA  VERSAMENTO MEDIANTE BONIFICO A CALAMUS DI PASQUALE COLETTA IBAN:  IT38S0832703219000000009924

    L'ATTESTATO VERRA' INVIATO IN PDF ALLA EMAIL SEGNALATA, L'EVENTUALE ORIGINALE HA UN COSTO DI € 10,00 PER SPESE DI SPEDIZIONE

    Corso Privacy: perché è obbligatorio, cos’è e chi lo deve fare

    L’entrata in vigore il 25 maggio 2018 del Regolamento Europeo per la protezione dei dati personali (GDPRGeneral Data Protection Regulation) ha reso ancora più fondamentale l’obbligo per i soggetti che effettuano il trattamento dei dati altrui di adottare misure di sicurezza tecniche organizzative e cautele per tutelare la diffusione dei dati sensibili proteggendoli da eventuali illeciti.

    La filosofia cardine del nuovo GDPR è l’accountability (o responsabilizzazione) per tutte le fasi del trattamento; ciò comporta l’adozione di strumenti e soluzioni atte a garantire non solo la protezione dei dati, ma anche il controllo, la verifica e l’analisi delle procedure. Per far questo, l’azienda deve avere addetti formati sui principi della PRIVACY e sulle procedure aziendali messe in atto

    Obbligo della formazione Privacy

    Il Regolamento non specifica nel dettaglio che tipo di corsi devo essere svolti (come ad es. prevede la normativa in materia di sicurezza sul lavoro), ma l’obbligo deriva dagli art. 29, 32 e 39 del Regolamento UE 2016/679 (GDPR).

    Come previsto dall’art. 29 del Regolamento, il responsabile del trattamento, o chiunque agisca sotto la sua autorità o sotto quella del titolare del trattamento, che abbia accesso a dati personali non può trattare tali dati se non è istruito in tal senso dal titolare del trattamento, salvo che lo richieda il diritto dell’Unione o degli Stati membri.

    Gli obblighi formativi sono introdotti dall’art. 39.1.b del Regolamento, il quale prevede, tra i compiti del DPO, quello di “sorvegliare l’osservanza […] delle politiche del titolare del trattamento o del responsabile del trattamento in materia di protezione dei dati personali, compresi […] la sensibilizzazione e la formazione del personale che partecipa ai trattamenti e alle connesse attività di controllo”, ed inoltre, l’art. 32.4 del Regolamento dispone che “chiunque abbia accesso a dati personali non tratti tali dati se non è istruito in tal senso dal titolare del trattamento”.

    Le aziende e le Pubbliche Amministrazioni, pertanto, devono implementare dei processi formativi che rispondano ai requisiti delle Misure di Sicurezza: testabili, verificabili e valutabili per chiunque gestisca dati personali.

    In caso di violazione degli articoli 29 e 39 (obbligo formativo), verranno applicate sanzioni amministrative pecuniarie che potrebbero essere rilevanti.

    Il corso PRIVACY (consigliate almeno 2 ore di formazione) ha l’obiettivo di fornire le nozioni principali per istruire dipendenti e collaboratori sul tema della protezione dei dati personali ai sensi del Regolamento UE 2016/679 (GDPR), trattando in particolare i seguenti argomenti:

    • Principi del Regolamento 2016/679
    • Attori del trattamento dati personali
    • Nomine delle figure in relazione alla struttura organizzativa
    • Approccio basato sul rischio del trattamento
    • Rispetto delle procedure e delle misure di sicurezza adottate
    • Documenti del GDPR

    Per il mantenimento della Compliance al GDPR PRIVACY è previsto un aggiornamento almeno triennale della formazione per tutti gli addetti che trattano i dati.

    Il corso antincendio rischio medio si rivolge agli addetti antincendio impegnati in tutte quelle attività dove, in generale, sono presenti sostanze mediamente infiammabili, dove le condizioni di esercizio offrono possibilità di sviluppo di focolai e ove sussistono probabilità di propagazione delle fiamme.

    Il Corso di Formazione Addetto Antincendio e Gestione delle Emergenze Rischio Medio è disciplinato dagli artt. 46, 37 comma 9 e 12 del D.Lgs. 81/08, correttivo D.Lgs. 106/09 e dall’art. 7 del D.M. 10 marzo 1998.

    Il datore di lavoro e i dirigenti, secondo le attribuzioni e competenze ad essi conferite, devono designare preventivamente i lavoratori incaricati dell’attuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave e immediato, di salvataggio, di primo soccorso e, comunque, di gestione dell’emergenza.

    Il corso è destinato a coloro che, lavorando all’interno di queste tipologie di aziende sono incaricati di attuare le misure di prevenzione incendi, lotta antincendio, di gestione delle emergenze, di evacuazione dei lavoratori e dei clienti in caso di pericolo grave ed immediato.

    Si intendono a rischio di incendio medio i luoghi di lavoro o parte di essi, in cui sono presenti sostanze infiammabili e/o condizioni locali e/o di esercizio che possono favorire lo sviluppo di incendi, ma nei quali, in caso di incendio, la probabilità di propagazione dello stesso è da ritenersi limitata.

    Il nostro corso online ti fornirà tutte le conoscenze indispensabili in situazioni di emergenza, sia nel contesto lavorativo che nella vita di tutti i giorni. Il decreto legislativo 81 del 2008 richiede che tutte le aziende abbiano un numero adeguato di lavoratori formati sulle pratiche di primo soccorso per far fronte ad eventuali malori o infortuni che possano verificarsi sul luogo di lavoro. Infatti, in tali casi la tempestività dell’intervento come pure il rispetto di determinate procedure di primo soccorso aumentano le probabilità di salvare una vita. Per questa ragione il legislatore, con il decreto 388 del 2003, ha stabilito i contenuti e la durata minima dei corsi per addetti al primo soccorso.
    CALAMUS organizza corsi di formazione e aggiornamento in materia primo soccorso conformi a quanto previsto dagli allegati 3 e 4 del Decreto Ministeriale 388 del 15 luglio 2003 "Regolamento recante disposizioni sul Pronto Soccorso Aziendale" ed al Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 "Testo Unico sulla Salute e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro".

    Contenuto del Corso

    Argomenti Didattici

    Aggiornamento Lavoratori – Capitolo 1 – Soggetti coinvolti, responsabilità

    Aggiornamento Lavoratori – Capitolo 2 – RSPP, RLS, Obblighi e responsabilità

    Aggiornamento Lavoratori – Capitolo 3 – Valutare i Rischi

    Aggiornamento Lavoratori – Capitolo 4 – DPI e segnaletica

    Aggiornamento Lavoratori – Capitolo 5 – Formazione e Prevenzione Incendi

    Aggiornamento Lavoratori – Capitolo 6 – Rischio Chimico

    Aggiornamento Lavoratori – Capitolo 7 – Videoterminali

    Aggiornamento Lavoratori – Capitolo 8 – Movimentazione Manuale dei Carichi

    Chi è l'imprenditore agricolo professionale

    L'imprenditore agricolo professionale è chi:

    • possiede conoscenze e competenze professionali ai sensi dell'art. 5 del regolamento (CE) n. 1257/1999 del Consiglio del 7 maggio 1999;
    • dedica alle attività agricole di cui all'articolo 2135 del Codice Civile, direttamente o in qualità di socio di società, almeno il cinquanta per cento del proprio tempo di lavoro complessivo (in Emilia-Romagna dedica comunque almeno 112,5 giornate per le zoni normali o 56,25 giornate in zone svantaggiate);
    • ricava dalle attività medesime almeno il cinquanta per cento del proprio reddito globale da lavoro.

    Il corso è finalizzato alla formazione di persone che intendono avviare o proseguire l’attività di manutentore del verde nel rispetto delle normative vigenti (art. 12 della L.154/2016 e DGR n. 206 del 03/05/2018). Permette di occuparsi dell’allestimento, della sistemazione e della manutenzione di aree verdi, aiuole, parchi, alberature e giardini pubblici e privati, attraverso l’uso corretto delle attrezzature e dei macchinari specifici.

    Il corso è obbligatorio per

    • le persone che intendono avviare l’attività di manutentore del verde, ma che non hanno un titolo di studio coerente all’attività di manutentore del verde
    • le persone che lavorano in imprese di giardinaggio come titolari, preposti o dipendenti, ma con esperienza lavorativa inferiore ai 2 anni alla data del 22 febbraio 2018

    Tutti i casi di esenzione al percorso formativo e le nuove regole per l’esercizio dell’attività di Manutentore del Verde sono indicati in basso in questa pagina.

    Guida al patentino per l’acquisto e l’impiego dei prodotti fitosanitari NEL LAZIO (seconda edizione - 2014)

    CLICCARE SUL TITOLO A SINISTRA PER ENTRARE

    Il percorso formativo di aggiornamento delle competenze rappresenta una opportunità per gli operatori degli Enti di Formazione accreditati del sistema regionale, finalizzata a sostenere l’innovazione e il miglioramento della qualità dell’offerta formativa Il corso è, comunque, assolutamente obbligatorio ai fini dell’assolvimento del requisito di mantenimento “Partecipazione ad almeno una attività formativa (interna o esterna all’organizzazione) di aggiornamento delle competenze professionali negli ultimi 2 anni di almeno 24 ore” (art.11 Dir 968/2007 e nuova Direttiva DGR 682 del 01/10/2019).
    AGGIORNATO A MARZO 2020

    RICHIEDI LA CHIAVE

    Il corso illustra, in linea generale, i principi, criteri nonché soluzioni comuni relativi alla ammissibilità e regolarità delle spese nella formazione FSE. Il percorso formativo verrà aggiornato periodicamente in relazione alle possibili modifiche delle norme di riferimento.

    Seguire le procedure di accreditamento nella Regione Lazio per la formazione implica operare e tenere sotto controllo tutte le variabili fondamentali del processo stesso di accreditamento. Ciò significa in sostanza avere una guida teorica e procedurale capace di operare la revisione profonda e la gestione del sistema formativo in possesso. Tutto ciò al fine di garantire l'assenza di non conformità in tutte le fasi di erogazioni della formazione tramite la comprensione, l'attuazione ed il sostegno da parte di tutto il personale dei principi, degli obiettivi ed impegni stabiliti. I benefici ottenibili sono evidenti. Non di meno le raccomandazioni istituzionali e le osservazioni degli ispettori in corso di auditing sono una prova che il solo contributo necessario per andare nella giusta direzione è quello di conoscere a fondo il sistema di accreditamento.

    Oggetto dei corsi

    Il corso di Introduzione all'Informatica fornisce una prima introduzione alle reti informatiche e alle architetture hardware e software dei calcolatori, e illustra alcuni temi scelti. Il corso ha carattere informativo e nozionistico (obiettivo: conoscere).

    Il corso di Informatica fornisce nozioni di carattere pratico relative all'uso del pc (obiettivo: saper fare). Viene introdotto l'uso del sistema operativo, degli elaboratori di testo, della posta elettronica, dei siti web. Il corso prevede alcune lezioni, ma la maggioranza dell'impegno è focalizzato su attivita' di laboratorio.

    Competenze fornite

    L'allievo che avrà seguito i corsi con profitto avrà le conoscenze elementari necessarie alla comprensione delle principali applicazioni dell'informatica e sarà in grado di svolgere autonomamente attività di produttività individuale quali scrivere un testo con un word processor, compilare semplici tabelle di calcolo, usare la posta elettronica, recuperare informazioni e materiale dalla Rete.

    Il Promotore agrituristico è in grado di occuparsi della promozione dell’agriturismo di un determinato luogo/contesto o anche nell’intero territorio nazionale, gestendo il processo di pubblicizzazione e commercializzazione di prodotti e servizi realizzati dalle organizzazioni turistiche che lavorano sul territorio nazionale e, soprattutto, valorizzando l’agriturismo reale e non speculativo.


    Salta categorie di corso
    Salta corsi